• Assenze - Chernobyl

“Il terzo angelo suonò la tromba e cadde dal cielo una grande stella, ardente come una torcia, e colpì un terzo dei fiumi e le sorgenti delle acque. La stella si chiama Assenzio; un terzo delle acque si mutò in assenzio e molti uomini morirono per quelle acque, perché erano divenute amare” (Apocalisse o rivelazione di San Giovanni Apostolo  8:10-11)

La notte del 26 aprile 1986 alle ore 1:23 e 45 secondi, il reattore n. 4 della centrale Vladimir Ilych Lenin di Černobyl’ esplode durante un test sulla sicurezza liberando nell’aria tonnellate di materiali radioattivi. Nei giorni successivi centinaia di uomini, detti liquidatori, consapevoli di andar incontro a morte certa, lavorano giorno e notte per estinguere l’incendio che sarà domato solamente il 9 maggio. 

“Assenze” parla di una coppia di coniugi decisi a rimanere illegalmente nella Zona di Esclusione nonostante i divieti. Il marito, ex-liquidatore gravemente malato, è profondamente religioso e crede nelle sacre scritture. La moglie è invece teneramente legata alla propria terra ed al ricordo di una vita che non c’è più. I due si amano da quando erano poco più che ragazzini, ma l’incidente alla centrale nucleare di Černobyl’ ha distrutto per sempre le loro esistenze. Nulla sarà più come prima.

  • Con Romina Alfieri, Francesco Maffeis, Stefano Ulivieri
  • Testo di Romina Alfieri

©dacquadolce - C.F. 95117250134 - P.I. 03544190139
privacy - cookies - site by Progetti Astratti